Prove Sclerometriche

Normativa di riferimento:

UNI EN 12504-2:2001- Prove sul calcestruzzo nelle strutture Prove non distruttive. Determinazione dell’indice sclerometrico.

CSLP: “linee guida per la valutazione delle caratteristiche del calcestruzzo in opera”

Scopo delle prova:

Fornire una prima indicazione generale sulla resistenza e sull’omogeneità dei getti.

 

Indagine sclerometrica: descrizione della prova

Le prove sclerometriche si collocano nel gruppo delle indagini non distruttive impiegate per la stima delle prestazioni meccaniche del calcestruzzo in opera.

 

Il metodo dell’indice di rimbalzo utilizza lo sclerometro per la determinazione della uniformità dei getti di calcestruzzo. Tale tecnica di prova misurare l’energia elastica assorbita dal calcestruzzo a seguito di un impatto. L’energia assorbita dal calcestruzzo è correlata alla rigidezza e alla resistenza meccanica mediante relazioni empiriche. Il metodo consiste nel provocare l’impatto di una massa standardizzata contro la superficie del materiale sottoposto a prova e nel misurare l’altezza del rimbalzo, la misura è espressa in termini di percentuale dell’altezza di rimbalzo rispetto alla distanza percorsa della massa in movimento tra l’istante in cui è rilasciata e quando colpisce la superficie del calcestruzzo. Questa percentuale è detta indice di rimbalzo N.

 

Dato che l’energia cinetica della massa battente è standardizzata, l’altezza di rimbalzo dipende dall’energia dissipata durante l’impatto, che a sua volta è legata al modulo elastico del materiale e dipende dalla resistenza meccanica della superficie del calcestruzzo.

 

Lo svolgimento della prova si effettua dopo aver localizzato i ferri di armatura interni all’elemento in calcestruzzo oggetto di analisi. Prima della prova, le superfici con maggiori irregolarità sono state lisciate mediante pietra abrasiva.

 

Preparata la superficie si realizza una griglia di almeno 9 punti, con passo compreso tra 2,5cm e 5cm distanza dei punti dalle barre d’armatura e non meno di 2,5 cm dai bordi sulla quale condurre le battute sclerometriche.

Prima di eseguire la sequenza di battute si effettua la verifica di taratura dello strumento mediante l’incudine di acciaio a corredo dello strumento, eseguendo una serie di battute con lo sclerometro in posizione verticale.

 

Battute sclerometriche di taratura per successiva per le travi le travi

Si eseguono le battute sclerometriche mantenendo in posizione lo sclerometro perpendicolarmente alla superficie di contatto in calcestruzzo. Il risultato finale della sequenza di battute deve essere calcolato come la media di tutte le misure, aggiustata se necessario in base all’orientamento dello sclerometro come da istruzioni del fabbricante, ed espressa come numero intero. Se oltre il 20% di tutte le misure si discosta dalla media per più del 30%, deve essere scartata l’intera serie di misure.

 

L’indagine sclerometrica risulta la prima prova da svolgere per la determinazione indiretta della resistenza caratteristica del calcestruzzo mediante metodo Sonreb.

Arch-Indagini -Indagini Edifici e Diagnostica Strutturale

Architetti: Riccardo De Ponti e Laura Bolondi

  • Facebook Clean

© 2020 - Proudly created with Wix.com - Privacy Policy